SANITA' E IMMIGRAZIONE

Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) ha il compito di assicurare la tutela della salute e l'assistenza sanitaria a tutti i cittadini italiani e stranieri, senza alcuna differenza di trattamento, in quanto rientra in un diritto fondamentale costituzionalmente garantito (c.d. diritto alla salute).
Al fine di beneficiare delle prestazioni fornite dal S.S.N. è necessaria l'iscrizione nonchè la tessera sanitaria che attesta l'avvenuta iscrizione al S.S.N.
La tessera sanitaria per cittadini extracomunitari dura un anno solare.

L'iscrizione al Servizio sanitario nazionale è obbligatoria se:
- Al momento della richiesta soggiorno in Italia l'immigrato sia regolarmente occupato, nonchè sia regolarmente soggiornante in Italia, ma momentaneamente disoccupato e iscritto nelle liste di collocamento
- Al momento della richiesta l'immigrato ha già chiesto il rinnovo del titolo di soggiorno per lavoro subordinato, per lavoro autonomo, per motivi familiari, per asilo, per attesa adozione, per affidamento, per acquisto della cittadinanza.

La tessera sanitaria dà diritto:
- ad avere un medico di famiglia o un pediatra;
- all'assistenza specialistica, pagando solo il ticket;
- al ricovero gratuito presso gli ospedali pubblici e convenzionati;
- all'assistenza farmaceutica (acquisto medicinali).
L'assistenza sanitaria spetta, oltre che agli iscritti, ai familiari a carico regolarmente soggiornanti.

La Procedura


I documenti necessari per l'ottenimento della tessera sanitaria sono:
- permesso di soggiorno;
- il certificato di status di rifugiato oppure il passaporto per gli altri stranieri
- iscrizione ai Centri per l'impiego;
- codice fiscale;
- certificato di residenza oppure, in mancanza di questo, un'autocertificazione di domicilio;
- dichiarazione della ditta presso cui presti attività lavorativa.

L'iscrizione è gratuita per:
- disoccupati, con permesso di soggiorno, e iscritti nelle liste di collocamento;
- rifugiati con regolare certificato attestante lo status di rifugiato e richiedente asilo;
- coniugati e a carico di un cittadino italiano;
- minori con genitore residente in Italia o con genitore appartenente ad una delle categorie sopra elencate.
Torna su <-

Assistenza senza permesso di soggiorno


Gli immigrati senza permesso di soggiorno per usufruire delle prestazioni sanitarie possono richiedere all'ASL di appartenenza un tesserino denominato S.T.P. da esibire ogni volta che sia necessario. In ogni caso sono assicurate gratuitamente:
- le cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o, comunque, essenziali, anche se continuative, per malattia ed infortunio presso i presidi pubblici ed accreditati (convenzionati);
- l'assistenza sanitaria di base;
- l'assistenza in gravidanza, l'assistenza per l'interruzione di gravidanza, l'assistenza al minore, la prevenzione, la diagnosi e il trattamento di malattie infettive e diffusive;
- la distribuzione gratuita di farmaci essenziali (con il pagamento del ticket).
Torna su <-