Cancro : e se le arachidi aumentassero il rischio di metastasi?

Per quanto crea dipendenza sui tavoli degli aperitivi, il consumo di arachidi, dovrebbe essere limitato per i pazienti con cancro

Un collegamento causa-effetto proposto da ricercatori britannici

I ricercatori dell'Università di Liverpool in Inghilterra hanno condotto uno studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Carcinogenese. E devono essere presi molto sul serio. Secondo gli esperti, un consumo eccessivo di arachidi può promuovere lo sviluppo e la diffusione delle metastasi nel corpo delle persone che soffrono di cancro. Gli scienziati hanno scoperto che l'agglutinina, una proteina vegetale trovata in questa arachidi, produce citochine quando interagisce con le cellule nella parete dei vasi sanguigni. Successivamente, queste molecole possono promuovere lo sviluppo di cellule tumorali.

Questo studio è stato condotto su pazienti un'ora dopo il consumo di 250 grammi di arachidi. Se hai il cancro, mangiare 250 grammi di arachidi è già troppo. Tuttavia, questo lavoro non è stato svolto a lungo termine, è possibile che una normale quantità di arachidi può produrre concentrazioni inferiori di PNA e quindi potenzialmente innocue. Ulteriori studi aggiuntivi devono essere effettuati per chiarire questa correlazione. Ma la precauzione è d'obbligo.

Più mortalità?

Potrebbe quindi sorgere un'altra domanda: se le arachidi causano la proliferazione delle metastasi, questo significa anche che tutto ciò aumenta la mortalità? La risposta è no. Il professor Lu-Gang Yu, uno degli autori dello studio, spiega che secondo uno studio precedente, il consumo di arachidi non avrebbe alcun impatto sulla mortalità. Né sulla prognosi degli uomini con cancro alla prostata.

A lui di precisare che al di là della quantità, il loro lavoro suggerisce che il consumo molto frequente di arachidi da parte dei malati di cancro può aumentare il rischio di metastasi. Dunque, si ripete: consumare arachidi con moderazione se si combatte il cancro.