Nuova crisi diplomatica tra Polonia e Israele

La Polonia è ancora una volta in una crisi diplomatica con Israele e di nuovo a causa di divergenze storiche sull'Olocausto.

Polonia convalida nuove leggi ritenute antisemitiche

Indignazione in Israele per l'approvazione da parte del presidente polacco Andrzej Duda del nuovo quadro normativo fissando un termine di 30 anni per avviare una procedura legale per il recupero dei beni monopolizzati da un regime totalitario e pone fine alle richieste di restituzione dei beni sequestrati che non sono stati oggetto di decisione negli ultimi 30 anni che ha l'effetto di chiudere molti casi risalenti al periodo comunista, e tutti i casi pendenti riguardanti l'occupazione nazista.

L'anno scorso, il governo conservatore ha anche approvato una legge per incarcerare chiunque incolpa la nazione polacca di qualsiasi responsabilità per l'Olocausto. Israele. Per il ministro degli Esteri israeliano, si tratta di leggi antisemite e immorale e considera che la Polonia non da nessun valore alla più grande tragedia della storia umana e ai suoi vittime.

La crisi più grave tra i due paesi

È probabilmente la crisi più grave che stanno attraversando i due Paesi. Una decisione "vergognosa", afferma Naftali Bennett, il primo ministro israeliano, prova di uno "scandaloso disprezzo per la memoria dell'Olocausto. La Polonia ha scelto di continuare ad attaccare chi ha già perso tutto, aggiunge. Il mondo non deve tacere. Ed è certo che Israele e il mondo ebraico non taceranno.

L'incaricato d'affari israeliano a Varsavia è stato richiamato per consultazioni fino a nuovo avviso. Il nuovo ambasciatore israeliano non assumerà il suo incarico in questa fase. Quanto al rappresentante polacco in Israele, gli è stato chiesto di prolungare le vacanze nel suo Paese. "Dovrebbe usare il tempo che ha per spiegare ai polacchi il significato dell'Olocausto per gli israeliani". Non finirà qui, proclamano i diplomatici israeliani, che affermano che saranno presi ulteriori passi in consultazione con gli Stati Uniti.